Chiacchiere di Carnevale senza lievito

Chiacchiere di Carnevale

Carnevale si avvicina e come ogni anno, le chiacchiere sono le protagoniste del Martedì grasso.
E menomale, perché Carnevale non mi è mai piaciuto tanto, se non fosse per la miriade di golosità che si trovano sulla tavola e per il vestito di Arlecchino che indossavo sempre da piccola, me l’aveva cucito nonna ed era bellissimo.

La ricetta delle chiacchiere di Carnevale senza lievito è quella di famiglia, tramandata da nonna Santina, collaudata e fatta e rifatta ogni anno da mamma, che è insuperabile.

Non le avete ancora preparate? Facciamolo insieme.

senza lievito

Ingredienti:

300 gr di farina 0
40 gr di burro o strutto
30 gr di zucchero
2 uova
Un cucchiaio abbondante di vino bianco (o liquore a scelta)
Olio di arachidi per friggere

Ammorbidiamo il burro a temperatura ambiente e setacciamo la farina.

Mettiamo in un recipiente capiente la farina setacciata, aggiungiamo lo zucchero, le uova e il vino bianco.
Se preferiamo, possiamo anche disporre la farina a fontana sulla spianatoia ed aggiungere gli altri ingredienti gradualmente.
Impastiamo energicamente e amalgamiamo gli ingredienti.

Aggiungiamo il burro e continuiamo ad impastare, fino ad ottenere un panetto lucido ed omogeneo.

L’impasto dovrà essere morbido ed elastico. A questo punto dividiamo in panetti.

Imperia

Appiattiamo ogni panetto con il palmo della mano e passiamolo con il tirapasta circa 15 20 volte al primo numero doppiandola sempre, poi una volta fino al penultimo numero senza mai doppiare la pasta.
A questo punto tagliamo la pasta ottenuta a rettangoli, della dimensione che preferiamo.

RotellaChiacchiere

Su ogni rettangolo effettuiamo, con la rotella, due tagli al centro e annodiamoli.
Friggiamo le nostre chiacchiere in abbondante olio bollente e scoliamole quando si dorano in superficie.

Cospargiamole di zucchero a velo e gustiamole insieme a chi amiamo.

Chiacchiere

Pronti a friggere queste prelibatezze?
Buon Carnevale a tutti, ricco di bontà e sorrisi.

Vi abbraccio,
Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *