SeminiAmo, un passo indietro verso il futuro

SeminiAmo
Foto di SeminiAmo

È una storia di coraggio e desideri, un racconto di altri tempi ambientato ai nostri giorni, un equilibrio di emozioni e di ingredienti dosati alla perfezione.
È una storia di famiglia, amore, dedizione e rispetto.
Questa è la storia di SeminiAmo e della sua rivoluzione verde.

Mi piace raccontare storie, colorare con un pennarello i contorni di un racconto, stando attenta a non sbavare e poi, ad un tratto, uscire fuori, per creare nuovi contorni. È una sfida con le regole, un’avventura nell’avventura, un modo per andare oltre e scoprire i dettagli più veri, che a volte sono proprio nascosti lì, tra la linea del contorno e il bianco vuoto, che in fondo vuoto non è, forse aspetta solo di essere riempito.

Cosa ci serve per riempire quel bianco?
Me lo sono chiesta spesso e chissà, forse oggi ho trovato la risposta.
C’è un ingrediente fondamentale, che non solo impreziosisce ogni storia, ma rende possibile quella stessa storia: il coraggio.

Il racconto di oggi parla di un viaggio, cominciato nel 1960, all’insegna del coraggio, della libertà e dell’impegno costante di una famiglia siciliana, che dedica la propria vita a ciò che abbiamo di più caro: la natura.

Ho conosciuto SeminiAmo su instagram ed è stato un regalo inaspettato.
Come ogni cosa bella, non ricordo com’è cominciata, ma so quanto abbia significato per me.

Uno scambio di messaggi, la conoscenza con Alice, professionista attenta e ragazza squisita, capace di trasmettere il suo immenso amore per la natura e per il suo lavoro, le ricette realizzate con i loro prodotti e il profumo intenso.

Già, il profumo.
La prima cosa che mi ha colpito quando ho aperto il fantastico pacco di SeminiAmo è stato proprio l’autentico profumo del grano siciliano, capace di portarmi indietro nel tempo, quando mia nonna aveva creato il suo piccolo mulino casalingo e quel profumo si spandeva nell’aria.
All’epoca non immaginavo che quello stesso profumo mi sarebbe rimasto dentro e mi avrebbe fatto innamorare di questo mondo magico, tenendo accesa ogni istante quella passione infinita per la genuinità e la tradizione.

Scrivere di SeminiAmo non è facile, perché ogni parola sfiora le corde del mio cuore, ma è proprio qui che si racchiude tutta la bellezza di questa azienda agricola siciliana.

SeminiAmo
Foto di SeminiAmo

Siamo nell’entroterra siciliano, nella provincia di Enna, dove si narra che per la prima volta nella storia del mondo, la Dea Demetra fece il dono del grano. Un dono meritato da tutti quei siciliani che avevano aiutato con costanza e fervore la dea a ritrovare la scomparsa figlia Core, ostaggio del dio Plutone. E fu proprio ad Enna, presso le acque del lago di Pergusa che Demetra ritrovò la sua Core, che aveva chiesto a Zeus di trascorrere la sua vita in Sicilia, nel territorio ennese, tra i fiori e le viole. [SeminiAmo]

Sì, questa è solo una leggenda, ma io voglio scrutare, all’interno di questa storia, un briciolo di verità, anche perché basta sentire il profumo e il sapore del loro grano, per pensare che, in fondo, è un vero e proprio dono divino.

La rivoluzione verde di SeminiAmo parte proprio da questo dono divino, comincia dal prodotto, niente è lasciato al caso.
La cura attenta della materia prima, la valorizzazione di ogni dettaglio e un unico obiettivo:

Creare qualità senza mai accontentarsi, nel pieno e assoluto rispetto della natura. Sono questi i valori che ancora oggi, giorno dopo giorno costruiscono il nostro futuro, perché non esiste futuro senza passato. Perché noi amiamo le cose autentiche, quelle vere.
[Seminiamo]

Mi piace pensare che SeminiAmo sia libertà, rispetto, rivoluzione.
Ideali spesso utopici, che questa azienda ha saputo fare propri, creando un mondo nuovo, una storia di cui oggi abbiamo decisamente bisogno, come una ventata d’aria fresca, in una torrida giornata di Agosto.

Libertà è decidere di agire secondo il proprio pensiero, ponendo come primo obiettivo il rispetto della natura e la creazione di prodotti di qualità.
È aprire i propri orizzonti, rivoluzionare un sistema apparentemente prestabilito che paradossalmente, nonostante i passi da gigante e le innovazioni tecnologiche, troppo spesso appare retrogrado, poco efficiente e dimostra di non saper sfruttare, nel modo giusto, i benefici e i vantaggi del mondo di oggi.

Rivoluzione non è cambiare strada, è creare un proprio sentiero.
Significa non avere paura di sollevare il velo del cambiamento e continuare, con immensa dedizione, a costruire i propri sogni.

SeminiAmo ogni giorno fa tutto questo, coltiva la sua passione, racconta una storia vincente e crea una realtà, costellata di piccoli grandi sogni, che insieme formano la bellezza, quella di prodotti genuini e sani, che profumano di passato e abbracciano il presente.

Quest’anno ho ricevuto uno dei più bei regali di Natale di sempre: Un pacco con alcune fantastiche farine di SeminiAmo.

Ecco cosa ho trovato in questo pacco delle meraviglie:

La farina integrale di grano duro Perciasacchi, una varietà di grano antico siciliano, che mi affascina molto, poiché il suo nome significa “buca sacchi”.
La cariosside, infatti, ha una forma appuntita e questo causava la rottura dei sacchi di juta, nei quali, in antichità veniva trasportato questo grano.

La farina integrale di grano duro Tumminia, caratterizzata da un colore marroncino e ideale per diete a basso contenuto glicemico.

E infine la farina integrale di grano tenero Maiorca, perfetta per realizzare la pasta frolla e preparare meravigliosi biscotti.
Pensate che contiene circa il 50% in meno di glutine, rispetto alle farine comunemente utilizzate oggi per fare i dolci.
Si racconta che i famosi cannoli siciliani siano nati proprio con questa farina.

Il periodo delle feste è stato un po’ frenetico e non ho potuto dedicare il tempo che avrei voluto alla scoperta di questi doni preziosi.
Sono riuscita però, a ritagliare uno spazio per utilizzare la farina di Maiorca, che mi ha letteralmente rubato il cuore.
Beh in realtà, non ha conquistato solo me, ma tutta la famiglia.

Con la farina di Maiorca ho realizzato dei dolci tipici del Cilento: I mastacciuoli di Natale e i biscotti natalizi di nonna.
Non posso descrivervi con le parole il loro profumo e la loro morbidezza, ma posso consigliarvi assolutamente di replicarli a casa con questa farina. Mai stati così buoni.

Le ricette le trovate qui, sul blog di Cilento Meraviglie e le farine?
Niente paura, potete riceverle in un battibaleno a casa perché udite udite, SeminiAmo ha anche lo shop online, grazie al quale possiamo avere tutti i loro prodotti a portata di click e immergerci in un viaggio nella meravigliosa Sicilia, assaporando la genuinità e la bontà delle loro farine, creme spalmabili, frutta secca e tanto altro. Fate un giro sul loro sito per scoprirlo, ne vale la pena.

Quello con SeminiAmo è stato amore a prima vista e a primo naso (si può dire?).
Prima la confezione, semplice e curata, intrisa di passione, mi ha trasportato in Sicilia, facendomi quasi sentire il tepore del Sole siciliano, poi il profumo intenso e dopo la farina sulle mani, sensazioni di bellezza e emozioni, difficili da spiegare.

Questa è una storia di passione, che ho provato a raccontarvi, condividendo le emozioni che questa lodevole azienda siciliana mi ha trasmesso, attraverso il suo progetto di vita e il suo coraggio, il protagonista di cui parlavamo all’inizio.

SeminiAmo
Ph. G.Fiorentino

Il viaggio con SeminiAmo è appena iniziato, ho in mente un bel po’ di ricette da realizzare e tante altre storie da raccontarvi, aspettando le vostre, per costruire insieme un puzzle di amore e bontà.

Conoscevate SeminiAmo?
Se no, vi è venuta voglia di provare i loro fantastici prodotti?
Scrivetemi i vostri pensieri nei commenti e io e tutto il team di SeminiAmo, saremo felici di leggerli, perché condividere e scoprire nuova bellezza è un grande passo per il cambiamento e per la costruzione dei nostri sogni.

Vi abbraccio,
Roberta

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *