Taralli con esubero di licoli alla paprica

Taralli con licoli alla paprica

I taralli con esubero di licoli alla paprica sono un’idea squisita e veloce, che possiamo realizzare con la parte non rinfrescata del nostro lievito madre liquido.

Sapete come sono nati?
Un giorno avevo voglia di un aperitivo particolare, che mi facesse sentire al mare, così dopo aver rinfrescato il licoli, ho impastato, con la parte che avanzava, questi taralli e mi sono innamorata, immediatamente, del loro profumo speziato e intenso.

I taralli con esubero di licoli, non necessitano di lievitazione, quindi sono perfetti per un aperitivo veloce o per una cena inaspettata.

Possiamo farcirli come più preferiamo ed inserire le spezie che più ci piacciono.

Io li ho provati con la paprica, aggiungendo, in alcuni, delle olive nere cilentane snocciolate e guarnendone altri con il sale di sedano, che ho realizzato pochi giorni fa, con il sedano paesano.

La loro particolarità è la morbidezza dentro e la croccantezza fuori, una vera e propria sorpresa speziata.

Pronti a prepararli insieme?

Taralli con esubero di licoli alla paprica

Taralli con esubero di licoli

Ingredienti ( per circa 30 taralli piccoli):

250 g di farina 0
50 g di farina di riso
50 g di olio evo
100 g di acqua
120 g di esubero di licoli
1 cucchiaino e mezzo di sale fino
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
2 cucchiaini rasi di paprica dolce o affumicata
Olive nere denocciolate (facoltativo)

Sciogliamo l’esubero di licoli nell’acqua.

Procedimento:
Aggiungiamo le farine, la paprica, l’olio evo, il bicarbonato di sodio e, per ultimo, il sale fino.
Impastiamo fino a che il composto è omogeneo e non appiccicoso.
Se necessario aggiungiamo acqua o viceversa farina.
Lasciamo riposare 10 minuti l’impasto, coperto.
Poi dividiamo l’impasto e creiamo con ogni parte, dei rotolini, facendo roteare l’impasto sotto le mani.
Da ognuno dei rotolini ricaviamo dei rotolini più piccoli (della misura della quale vogliamo i taralli).
Ottenuti i rotolini, congiungiamo le punte ripiegando un’estremità sull’altra e ottenendo così delle ciambelline.
Per la versione intrecciata, che vedete in foto, create due rotolini e intrecciateli.
Man mano sistemiamo i taralli sulla teglia, coperta di carta forno.
Inforniamo in forno statico preriscaldato a 160 gradi per circa 15 minuti o a 180 gradi per 10 minuti, rimarranno croccanti fuori e morbidi dentro.
Regoliamo i tempi e le temperature in base al nostro forno.
Taralli con esubero di licoli
Questi taralli con esubero di licoli sono meravigliosi e si conservano per 2 giorni, ma credo che non faranno in tempo ad arrivarci.
Se avete il lievito madre solido e volete realizzare anche il licoli, trovate tutte le indicazioni per la conversione sul mio profilo instagram, nelle storie in evidenza “LICOLI”.
Non vedo l’ora di vedere i vostri taralli e di scrivervi tante altre ricette con esubero di lievito madre e non.
Vi abbraccio,
Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *